Casa Sponge per la Notte Verde di Montesecco

Casa Sponge per la Notte Verde di Montesecco

    

Comunicato Stampa

Casa Sponge per la “Notte Verde” di Montesecco di Pergola

Legarsi a Montesecco | #monteseccontemporaneo

Prosegue il viaggio nella visione di Casa Sponge a Montesecco di Pergola, il piccolo borgo che con la sua veduta a trecento sessanta gradi, dall’adriatico all’Appennino, è diventato baluardo del Centro d’Arte Contemporanea marchigiano per lo studio del paesaggio. Il cammino è iniziato con a,M,o: arte, Marche, oltre – pratica della visione, in cui un gruppo di pittori di chiara fama nazionale, capitanati da Angelo Bellobono, hanno dipinto en plain air ciò che c’è sempre stato. Tra questi, Beatrice Meoni, la quale è ritornata a Montesecco pochi giorni fa per proseguire la sua ricerca, contestualizzandola e rendendola memoria viva, in un passaggio tra passato, futuro ed un presente che evidenzia le persone. L’artista ha costruito una relazione con gli abitanti del luogo facendosi aprire le porte delle loro case, in un gesto di forte valenza politica: l’accoglienza. Hanno mostrato con orgoglio alla pittrice ligure ciò che vedono quotidianamente dalle proprie finestre. Meoni, che ritornerà a Casa Sponge il 15 settembre con una sua mostra personale, ha dipinto quelle vedute, ora non più mero paesaggio ma memoria viva ed ha raccolto l’invito degli abitanti del luogo a prender parte alla festa estiva più importante del borgo: “La Notte Verde”, ideata da Anna Rapanotti. Un suo personale racconto pittorico e fotografico si mescolerà con le pagine di diario del luogo.
I fuochi d’artificio, che segneranno la conclusione di quel giorno di festa, rappresentano per noi di Casa Sponge un omaggio al ricordo di una storia di fili: quella di Maria Lai e la sua Ulassai, ““Legarsi alla Montagna” performance del 1981; l’emblema di quello che dovrebbe essere il senso della nostra pratica.
La visione ed il cammino, da quelle scie in cielo, continuano a mutare e per questo motivo abbiamo esteso l’invito ad un altro autore, pittore, ceramista ed illustratore, fortemente legato al paesaggio: Luca Caimmi, con il compito di coinvolgere chi potrà farà la storia del borgo, i bambini, nel tentativo di creare consapevolezza. Un viaggio comune che possano rendere il borgo #monteseccontemporaneo. Il laboratorio sarà basato su una pratica educativa rivolta alla creatività libera, al rispetto per l’ambiente. Partner del progetto è la cooperativa di Massimo Baldini: Oasicolori. I bambini dipingeranno il nostro paesaggio esclusivamente con colori vegetali, tra cui il più noto è l’antico blu di Guado. Scelta, questa, che sembra voler annunciare il progetto più ampio del nuovo Assessore alla Bellezza del Comune di Pergola, Ciro Mariani, che illustrerà nella giornata del 23 agosto, in occasione dell’incontro a Montesecco dedicato alle Case baluardo di cultura in Europa, il progetto Pergola: Città delle Tinte, tra storia e futuro.
Legarsi a Montesecco si svilupperà partendo dalla piazzetta antistante la chiesa, toccando il circolo cittadino, una casa privata e la vecchia scuola. Una mostra diffusa, un laboratorio.
Alle 19 verrà presentato il libro “Le avventure di Pinocchio” illustrato da Luca Caimmi, postfazione Antonio Faeti, edizioni Orecchio Acerbo. Caimmi inventa un Pinocchio acquatico e notturno dove tutti i personaggi umani sono creature marine. Il “maestro” Faeti, con la consueta autorevolezza, fa luce sull’interpretazione di Caimmi di molti temi collodiani: così il suo Mangiafuoco, nonostante le pinne, continua a incarnare l’orrore del mondo dei grandi e la fata Turchina è qui una maga-sirena con la sfera di cristallo. Un libro magico che ci ricorda che tutte le storie nascono dal buio e che ogni infanzia è fatta di finzione visionaria.

Autori: Luca Caimmi, Beatrice Meoni .
Luogo: ex scuola, circolo, piazzetta adiacente alla Chiesa – Montesecco di Pergola (PU) 61045 .
Data: 16 Agosto 2019.
Ora: 17.00 – 24.00.
Info: spongecomunicazione@gmail.com | spongeartecontemporanea.net | +39 339 4918011