Taccuino da una residenza d’artista

Angelo Bellobono a Casa Sponge, note e immagini

Mi ritrovo nel mio studio romano a ripensare alle giornate trascorse nelle Marche, a Casa Sponge. È straniante ritornare in quelli che sono stati i luoghi che hanno accolto le mie estati di bambino e che mi hanno fatto scoprire la montagna. Giornate che hanno accarezzato la mia esistenza. Dipingere dal pianerottolo della casa della famiglia di mia madre, come se gli occhi fossero i suoi, guardare lontano e scrutare l’Appennino. Gli strati d’aria e luce si sovrappongono e mescolano, impastano l’erba e la terra dei campi e restituiscono mille tonalità d’ocra, verde e marrone. [...]

Per leggere l'articolo completo puoi cliccare qui