Effetto Farfalla: Il Manipolatore e la Preda

Effetto Farfalla: Il Manipolatore e la Preda

Casa Sponge all rights reserved

Domenica 24 novembre, alle ore 17:30, ritorna
Effetto Farfalla: il talk di Casa Sponge dedicato alla parola.

Titolo: Il Manipolatore e la Preda
Protagonista: Nadia Nunzi
In conversazione con: Giovanni Gaggia e Maria Cleofe Contardi
Luogo: Decanter Winebar, 61045, Pergola (PU)
Info: spongecomunicazione@gmail.com | spongeartecontemporanea.net | +39 339 4918011

[…] La cosa più urgente non mi sembra dunque difendere la cultura, la cui esistenza non ha mai salvato nessuno, dall’ansia di vivere meglio e di avere fame, ma estrarre da ciò che chiamiamo cultura, delle idee la cui forza di vita sia pari a quella della fame.[…]

Antonin Artaud

Partiamo come sempre dalla frase di Antonin Artaud, vessillo della filosofia di Casa Sponge, per introdurre questo nuovo appuntamento della stagione 2019/2020 di Effetto Farfalla, un progetto nato nel 2014. L’attenzione è puntata sulla forza della parola sotto forma di colloquio e racconto. Gli ospiti di Effetto Farfalla utilizzano il verbo per esternare le idee, palesarle e condividerle, in luoghi pubblici e privati, incontrando un pubblico, anche di passaggio, che si presta a cibarsi di questi pensieri. Un invito al risveglio e alla consapevolezza.

“Le parole hanno un immenso potere in qualsiasi contesto umano e, quando vengono usate per fare violenza, possono fare più male di mille percosse.” I manipolatori affettivi sono esseri ambigui e ingannevoli che si celano dietro maschere di falsità e usano le loro strategie per destabilizzare le prede scelte avvalendosi di doti affabulative e persuasive. Possono essere sia uomini sia donne e mirano a distruggere le vittime facendo leva sulle loro emozioni. Al contrario, loro sono individui tossici privi di empatia. L’intento di questo libro è di far conoscere le dinamiche manipolative di idealizzazione e svalutazione per offrire strumenti utili a identificarle tempestivamente, evitando di cadere nelle subdole trappole dei sopracitati predatori sociali. La particolare creazione della struttura narrativa è legata alla finalità del progetto, che è un invito all’introspezione e che nasce dalla preziosa sinergia di due persone unite dallo stesso desiderio di ispirare consapevolezza.

Nadia Nunzi è un’autrice marchigiana, collabora con diverse riviste, ha all’attivo le opere autobiografiche “Ti amo Anima mia” e “Stavolta scelgo me”. Studia Metamedicina, condividendone la filosofia di risveglio della coscienza per il raggiungimento del benessere e della felicità personali.

L’incontro è in collaborazione con il Comune di Pergola, Assessorato alle Pari Opportunità e si inserisce in un programma più ampio di una domenica di sensibilizzazione che precede la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne.

Info: www.spongeartecontemporanea.net \ spongecomunicazione@gmail.com \+ 39 339 4918011